Maschere viso

domenica, febbraio 5, 2017 Posted by Margaret Ischia

foto by Margareta Ischia

Ogni quanto fate una maschera per il viso? Nei paesi asiatici la maschera viso appartiene ai rituali di bellezza quotidiani, e anch’io ho provato ad applicare per una settimana, ogni sera, dopo una detersione profonda, una maschera viso, alternando tra quelle idratanti a quelle calmanti per pelle sensibili. Lo so, che tutte sgranerete gli occhi per dire „impossibile, io non ho tempo!“, ma se lo proverete per una settimana vedrete il risultato.

Vi invito a provare a introdurre questo rituale nella vostra cura quotidiana, per una settimana. Oltre a darvi risultati visibili, può essere adottato come vostra „home SPA“ anti stress. I famosi 30 minuti per noi stesse!

L’inverno tra l’altro risulta essere il periodo migliore, sia per le temperature rigide esterne e l’aria particolarmente secca degli ambienti chiusi. Inoltre d’inverno le sere, le si trascorre volentieri a casa. Se la cosa vi annoia farla da sole, coinvolgete figli/e, nipoti o amiche. Preparando magari qualche buona tisana. Tra le quali vi consiglio una tisana di Roiboosh aromatizzata alla vaniglia, una delizia per il palato!

Non sapete che maschera scegliere? Il mio consiglio, é di affidarvi ad una persona esperta, e come potete immaginare, la mia scelta va su prodotti privi di parabeni, petroliati, siliconi e paraffine. Possibilmente ricche di grassi vegetali, come burro di cocco, burro di karité, e oli vegetali. Quindi, occhio all’INCI!!!

Ancora dubbi? Contattatemi per chiarire i vostri dubbi. E se non ne avete, fatemi sapere la vostra esperienza!

info@mybestwellness.it

FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare

Winter Blues

lunedì, gennaio 30, 2017 Posted by Margaret Ischia

Foto by Margaret Ischia

Mai sentito parlare del Winter Blues? ( disordine affettivo invernale) Le giornate ancora corte e fredde influenzano il nostro umore, rendono apatici e tristi, ecco che la soluzione può nascondersi in un bagno caldo e avvolgente a casa vostra. Tempo di relax. Tempo per voi. Ritagliarsi uno spazio per ritrovare la calma, che ci aiuta a rigenerare corpo e mente. Come? Basta riempire la vasca da bagno, chiudere la porta e immergersi in quell’acqua calda e profumata per un relax assicurato. Ma prima preparate la vostra pozione magica personalizzata.

Non molto tempo fá ho provato a mescolare un mix di oli essenziali nella polvere di siero di latte. Oltre a servire da solubilizzante per gli oli essenziali, é uno dei prodotti naturali migliori che rende la pelle morbida e reidratata, come quella di un neonato.

Utilizzo: bastano 2-3 cucchiai da minestra di Siero di latte in polvere da aggiungere all’acqua della vasca e godersi i benefici.

la mia ricetta “Winter Blues”: 5 gocce di mandarino, 5 gocce di bergamotto e 3 gocce di ylang ylang.

Inoltre una deliziosa bevanda da abbinare é la Golden Milk, si prepara usando un pizzico di curcuma e pepe nero e aggiungendo un cucchiaio di miele millefiori in una tazza di latte di riso che avrai fatto riscaldare. Goloso e salutare, ti farà sentire coccolata.

Buon relax a tutti!!

FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare

CHRISTMAS

venerdì, dicembre 23, 2016 Posted by Margaret Ischia
Comments closed

Photo by Margareta Ischia

La vita del cristallo, l’architettura del fiocco di neve, il fuoco del gelo, l’anima del raggio di sole. La frizzante aria invernale è piena di queste cose.
(John Burroughs)

FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare

Autunno: oli essenziali

domenica, ottobre 23, 2016 Posted by Margaret Ischia
Comments closed

Foto by Margaret Ischia

Autunno: la natura inizia la sua fase di riposo.

La linfa vitale che durante la primavera e l’estate è stata donata a foglie, fiori e frutti, ora ritorna alle radici delle piante. Così ha inizio la fase di riposo delle piante. Le temperature scendono e i colori della natura sono uno spettacolo unico. Nelle case si inizia a riscaldare gli ambienti e si inizia a trascorrere più tempo negli ambienti chiusi. Il momento migliore per accendere il nostro diffusore e creare un ambiente rilassante e sereno nelle nostre case.

Ecco alcune miscele da usare nel diffusore che ci accompagnano attraverso l’autunno. Vi ricordo che l’utilizzo del diffusore in aromaterapia è il metodo più semplice ma anche più efficace per diffondere le sostanze volatili negli ambienti della nostra casa. Che esso sia a candelina ( per i tradizionalisti) o a ultrasuoni ( per i più tecnologici) usate il vostro diffusore anche giornalmente. Alcune ore al giorno sono sufficienti. Non dimenticate che gli oli essenziali nel diffusore vanno diluiti in acqua.

Buon divertimento.

Il mio consiglio per un mix caldo, dolce e piccante.

3 g di bergamotto citrus bergamia

2 g di zenzero zingiber off

2 g di incenso boswelia sacra

∞∞∞∞∞∞∞∞∞

4 g di arancio dolce citrus aurantium

2 g di zenzero zingiber off.

1 g di patchouli pogostemon cablin

∞∞∞∞∞∞∞∞∞

3 g di incenso boswellia sacra

2 g di pino pinus mugo

1 g di legno di cedro aniba rosaeodora

∞∞∞∞∞∞∞∞∞

FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare

FIENO – storia, tradizione e benessere

mercoledì, agosto 31, 2016 Posted by Margaret Ischia
Comments closed

Un punto di forza di tanti Hotel benessere nel Sudtirolo, é creare una sinergia con il territorio che li circonda. Le tradizioni locali e le cure con i prodotti del territorio, con certificazioni DOP sono attuali in molte strutture.

Di recente facendo una visitain un Hotel della nostra regione, come consulente del settore benessere, ho avuto la conferma di quanto bello possa essere per un ospite, poter usufruire dei vantaggi delle “cure naturali” a noi tramandate. Un prodotto all’altezza delle esigenze dei nostri ospiti è sicuramente il fieno.

E di questo fantastico prodotto, offerto in modo molto naturale da madre terra, che vorrei raccontarvi qualcosa.

È questo il periodo in cui avviene l’ultimo taglio in alta montagna, il migliore dicono i contadini. Un lavoro faticoso, fatto in modo tradizionale con la falce e raccolto con grandi rastrelli di legno. Alcuni prati si raggiungono solo difficilmente e spesso sono terreni molto scoscesi, per questo il lavoro deve essere eseguito tutto a mano.

Secondo antiche usanze, i contadini avevano l’abitudine di riposarsi dalle fatiche del lavoro nei campi adagiandosi su giacigli di fieno di taglio fresco e al mattino si risvegliavano completamente ritemprati e riposati.

Oggi alcuni contadini vendono il proprio fieno al consorzio del fieno di alta montagna, ma questo deve rispettare le direttive.  Ne elenco alcune:

Il fieno proviene da un’altitudine di 1700 metri slm. I prati devono essere coltivati secondo criteri ecologici e non possono essere trattati con concimi minerali oppure erbicidi. Vengono utilizzate esclusivamente delle aree che ospitano oltre 40 specie vegetali per 50 metri quadrati. È vietato il trattamento del fieno con fungicidi, conservanti o simili.

Il fieno di alta montagna per la sua composizione di molte erbe e piante alpini, è ricco di minerali, microelementi, oli essenziali, coloranti naturali, zuccheri, proteine e amidi quali durante il riscaldamento del fieno vengono liberati.  Gli effetti benefici sono molteplici.

Ecco che le necessità del nostro ospite, alla ricerca di: rallentare il ritmo e il tempo, di totale abbandono e ricarica psicofisica, trovano risposta in un “semplice” bagno di fieno.  Usato nei Kraxenofen, nelle vasche a galleggiamento o semplicemente adagiato nei letti di legno, può diventare un’esperienza unica.

Se non l’avete mai provato, non dovreste aspettare!!

Foto by Margareta Ischia

FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare

Lippenbalsam DIY

martedì, luglio 12, 2016 Posted by Margaret Ischia
Comments closed

2015 wurde bekannt, dass in Lippenpflegestiften von Labello, Blistex und auch Carmex bedenkliche Inhaltsstoffe enthalten sind. Warum machst du dir deinen Pflegenpflege, den du bedenkenlos verwenden kannst, nicht selbst?

Lippenbalsam selber machen!!!

Foto by Margareta Ischia

Diese Basics brauchst du:

Öl Ringelblumenöl

Bienenwachs

Kokosfett oder Sheabutter

ÄÖ

Diese Zutaten in folgender Reihenfolge im Wasserbad bei nicht mehr als 60 oder 70 Grad nach und nach erhitzen. Zuerst das Öl, dann das Bienenwachs hinzugeben und das Fett unter ständigem Rühren in der Masse schmelzen lassen. Zum Schluss 1-2 Tropfen dein gewünschtes, rein natürliches ätherisches Öl dazugeben und alles gut verrühren. Meine Bestseller Ä.Ö. sind Lavendel, Rose oder Neroli.

Viel Spaß!!

FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare

IL PROFUMO/DAS PURFUM

martedì, luglio 5, 2016 Posted by Margaret Ischia
Comments closed

„Il profumo ha una forza di persuasione più convincente delle parole, dell’apparenza, del sentimento e della volontà. Non si può rifiutare la forza di persuasione del profumo, essa penetra in noi come l’aria che respiriamo penetra nei nostri polmoni, ci riempie, ci domina totalmente, non c’è modo di opporvisi.“

“Es gibt eine Überzeugungskraft des Duftes, die stärker ist als Worte, Augenschein, Gefühl und Wille. Die Überzeugungskraft des Duftes ist nicht abzuwehren, sie geht in uns hinein wie die Atemluft in unsere Lungen, sie erfüllt uns, füllt uns vollkommen aus, es gibt kein Mittel gegen sie.”

Patrick Süskind

Photo by Margareta Ischia


FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare

OLI VEGETALI in AROMATERAPIA

mercoledì, giugno 15, 2016 Posted by Margaret Ischia
Comments closed

Oli vegetali ad uso cosmetico.

Nell’utilizzo degli oli essenziali a uso topico, bisogna sempre avvalersi di una base grassa. La mia esperienza mi ha portato a utilizzare diversi oli vegetali e qui di seguito i miei „bestseller“!

Non tutti questi oli sono stabili, alcuni ossidano facilmente. Ciò significa che una volta aperti bisogna utilizzarli. Chiudendo bene il flacone e pulirlo da eventuali gocce d’olio esterne. Acquistate sempre confezioni piccole e fate la vostra esperienza, scegliendo quello che renderà la vostra pelle morbida e nutrita.

BASICS

I miei oli vegetali preferiti

OLIO DI MANDORLE DOLCI Prunus  amygdalus var. dulcis

Fonte:                                    il frutto privato del guscio (la mandorla), pressato a freddo

Caratteristiche:            viscosità media. Molto lubrificante ma non molto penetrante, cosa che lo rende un buon olio da massaggio.

Costituenti:                      proteine, tracce di minerali, vit A, B1, B2,B6,E. Acidi grassi monoinsaturi e poli-insaturi.

Tipo di pelle:           tutti i tipi di pelle, per pelli secche ed irritate.

Condizioni:           eczemi, contribuisce a ridurre i pruriti, la secchezza, l´infiammazione.

Cosmetica:            può essere usato puro o diluito con altri oli.

N.B.            l´olio spremuto a freddo é più denso. Sul mercato si trovano spesso oli raffinati.

OLIO DI GIRASOLE Helianthus annuus

Fonte:           i semi del frutto spremuti a freddo

Caratteristiche:           giallo chiaro leggero, non unto

Costituenti:           Vit A, ,D, E, minerali, molti acidi grassi insaturi

Tipi di pelle:           tutti i tipi di pelle

Condizioni:           malattie della pelle, dermatiti da pannolino, crosta lattea

Cosmetica:           Si assorbe facilmente. Si può usare come base da mescolare con altri oli vegetali                                  piú pesanti

N.B.           Spesso per una resa maggiore viene scaldato attorno agli 80° e questo processo ne altera il colore e la composizione

OLIO DI JOJOBA Simmondsia chinensis

Fonte:           i semi del frutto spremuti a freddo           

Caratteristiche:           giallo oro, ricco, é una cera liquida

Costituenti:           Proteine, minerali, Vit E

Tipi di pelle:           per pelli infiammate e sensibili, acne e dermatiti.

Condizioni:           L’eccesso di sebo si dissolve nella Jojoba. Essendo un antinfiammatorio é                                             indicato per reumatismi e artrite

Cosmetica:           Essendo una cera e non un olio é costituito da esteri, e é per questo che é molto stabile e ha un’ottima durata.

N.B.           diluito ad altri oli vegetali, aiuta nella conservazione

OLIO DI MACADAMIA Macadamia integrifolia o ternifolia

Fonte:                                    i semi del frutto spremuti a freddo

Caratteristiche:           molto profumato, ricorda i frutti della pianta, non indicato per la creazione                                          di profumi

Costituenti:                  acido palmitoleico,(grasso presente nella secrezione sebacea della pelle dell´uomo, ma che tende a ridursi drasticamente con l´età. Per le sue proprietà seboaffini, quest’olio risulta indispensabile nel riequilibrare la secrezione lipidica delle pelli non più giovani e nel ridare il giusto grado di umidità alle pelli secche e disidratate. 60% acido oleico

Tipo di pelle:                        tutti i tipi di pelle, tonifica pelli invecchiate e secche.

Condizioni:                        utile per ammorbidire la pelle, per accelerare la cicatrizzazione,                                                                 scottature solari.

Cosmetica:                      utilizzato al 10% con altri oli vegetali. Ottimo nella preparazione dei                                                        balsami per le labbra

Macadamia tree in Hawaii

Photo by Margareta Ischia

Per scrivere questo articolo, oltre che la mia esperienza personale nel mondo delle SPA e centri benessere, durante i miei corsi e le varie tecniche di massaggio acquisite negli anni tramite corsi professionali, mi sono avvalsa per i dati tecnici dei miei appunti personali del corso Ciam e del libro del mio insegnante Dr. Valussi Marco, Il grande manuale di aromaterapia.


FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare

HOME SPA: Sapone “Wake-up”

venerdì, maggio 13, 2016 Posted by Margaret Ischia
Comments closed

Una primavera, questa, che non ci permette di praticare molte attività all’aria aperta per ricaricarci di nuova energia. Che ci fa’ sentire tutta la stanchezza della stagione del „cambiamento“. Ecco che allora gli oli essenziali ci vengono in aiuto! Per le giornate più difficili, per darci quella carica di cui, ora più che mai, abbiamo bisogno, la mia ricetta per tutti é questa:

Iniziate la giornata con una doccia e il sapone liquido „wake-up“- per darvi la giusta carica!

In 100 ml di sapone liquido aggiungete 10 gocce di olio essenziale di limone e 5 gocce di olio essenziale di rosmarino. Mescolate bene con il sapone liquido e versatene la quantità necessaria in una manopola di loofa. Massaggiate il corpo bagnato e non dimenticate di frizionare bene la pianta dei piedi. È proprio sulla pianta dei piedi che si trovano numerose terminazioni nervose, collegate alle varie regioni del corpo e ai suoi organi. Il risultato vi stupirà!

La stessa miscela, la potete utilizzare nel vostro diffusore per aiutare concentrazione e memoria.

Gli oli essenziali, limone e rosmarino rientrano nella lista dei must have della collezione di un “aroma curioso” ;-)


FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare

De-stress

giovedì, aprile 28, 2016 Posted by Margaret Ischia
Comments closed

FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare