Smovey “Wellness Aktiv”

mercoledì, maggio 17, 2017 Posted by Margareta Ischia

Entschleunigung durch Beschleunigung.

Heute überrasch ich euch mit was Neuem. Keine ätherische Öle, keine Kosmetik, keine Sauna, keine Rezepte für die Haut.

Heute erwartet euch “Wellness Aktiv”! Der Körper braucht Bewegung um in Balance zu sein.

Innovativ und genial. Zur tägliche Bewegung und Vorbeugung. Vieles kann Smovey.

Die neue Bewegungsform smovey, mit Effekten wie Kräftigung, Mobilisierung, Koordination, Ausdauer, Fettstoffwechsel ist das über dem ich erzählen möchte.

Schon letztes Jahr konnte ich die Erfahrung machen, mit Hotelgästen aktiv mit somvey zu arbeiten. Die Gäste waren erst neugierig, aber bis am Ende total motiviert.                                                                                               Mein Angebot im Hotel; egal ob  in-door, out-door oder im Pool, egal ob mit oder ohne Musik, ein sicherer Erfolg!

WIRKUNG:

1. Aktiviert die Oberflächen- UND die Tiefenmuskulatur

2. Fördert den Stoffwechsel und die Fettverbrennung

3. Unterstützt das Lymphsystem und die Entschlackung

4. Mobilisiert und stärkt Faszien und Bindegewebe

5. Kräftigt das Herz- und Kreislaufsystem

6. Stimuliert Reflexzonen und Zellaktivität

7. Stärkt das Immunsystem und den Energiefluss

8. Löst Verspannungen und Blockaden

Als begeisterte smoveyCoach und smoveyWALKING-guide stehe ich gerne zu Verfügung euch näheres zu erzählen und zeigen.

Meine persönliche Shop-Adresse lautet:
shop.smovey.com/partner/IT03563

Kopieren Sie und fügen Sie diese Adresse in Google ein und Sie können gleich Ihr Smovey bestellen! In einigen Tagen wird es bei Ihnen zuhause ankommen!

Viel Spaß!!

Phone +39 339 6808324

info@mybestwellness.it

FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare

il profumo come strumento di comunicazione.

domenica, maggio 14, 2017 Posted by Margareta Ischia

Quando respirando, noi odoriamo!

L’olfatto è il senso che più risponde alla funzione fondamentale dei sistemi sensoriali. L’olfatto essendo legato alla vita emotiva é collegato più ai centri del cervello che giudicano il comportamento e non a quella dell’intelletto. A dei profumi ci si ricorda più intensamente che a delle immagini. I profumi arrivano senza filtri direttamente alle cellule nervose celebrali e hanno un collegamento diretto con la nostra psiche. In pochi secondi decidiamo tra un odore gradevole ad uno sgradevole.

Così accade che gli oli essenziali possono agire in modo positivo nella nostra quotidianità. Ed é questa la modalità di valutazione nella scelta degli oli essenziali che dovremmo usare.

Ci sono innumerevoli studi sui vari benefici degli oli essenziali, ma se al vostro „naso“ un profumo non é gradito, meglio scegliere un’altro.

Personalmente amo avere con me sempre un profumo a base di oli essenziali. Che esso sia di un olio singolo oppure un mix. Vorrei condividere con voi questa abitudine e consigliarvi qualche ricetta semplice ma efficace. Io ne ho una sempre in borsa. ;-)

Profumi prêt á porter. Fragranze in stick 100 % naturali senza alcol.

Cosa serve: olio di jojoba 10ml, oli essenziali, un roll-on da 10 ml.

Fresco

9 ml di olio di jojoba

2 gocce di oli essenziale di Bergamotto (citrus bergamia)

2 gocce di olio essenziale di Eucalipto (eucaliptus globulus)

3 gocce dei olio essenziale di arancio dolce (citrus aurantium)

Maschile

9 ml di olio di jojoba

2 gocce di olio essenziale di pepe nero (piper nigrum)

2 gocce di olio essenziale di limetta ( citrus aurantifolia)

2 gocce di olio essenziale di incenso (bowellia serrata)

4 gocce di olio essenziale di arancio dolce (citrus aurantium)

Start up

10 ml di olio di jojoba

5 gocce di olio essenziale di lemongrass (cymbopogom citratus)

foto by Margareta Ischia

FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare

Celebriamo la primavera

venerdì, marzo 24, 2017 Posted by Margareta Ischia
Comments closed

Photo by Margareta Ischia

Per celebrare la primavera, vi suggerisco di iniziare con una pulizia del vostro corpo. Da esperienza personale ho visto che un trattamento basico dona grande beneficio.

Fare pulizia significa anche eliminare la troppa acidità dell’organismo. Anche lo stress eccessivo contribuisce ad alzare l’acidità.

Con una regolare pulizia basica del corpo lo aiuteremo a smaltire tossine ed acidi.

Quando il pH del corpo è sbilanciato l’accumulo di acidi causa infiammazione e la pelle non è più in grado di funzionare al meglio come barriera naturale contro gli agenti esterni.

Il bagno basico è un intervento particolarmente importante per un’efficace disintossicazione dalle scorie. Esso attiva la massima superficie cutanea a disposizione per il drenaggio. Come dico sempre l’organo di assorbimento più esteso é la nostra pelle.

Un rimedio semplice e alla portata di tutti é il bicarbonato, che aumenta il Ph dell’acqua e aiuta a equilibrare il livello basico e acido nel corpo. Inoltre rende la pelle più morbida al tatto.

Il rituale che vi presento oggi, comprende un bagno, la spazzolatura e una coccola finale con la  reidratazione per la pelle.

IL BAGNO:

Eccovi la mia ricetta per un bagno detox che dona nuova energia e slancio per la stagione della rinascita.

Riempite la vasca con acqua a temperatura non superiore a 39°. Versate il bicarbonato a riempimento della vasca. In una ciottola mettete 1 cucchiaio di miele ed aggiungete, 5 gocce di o.e. di Lemongrass e 5 gocce di o.e. di Arancio amaro, versate nell’acqua della vasca. Immergetevi e restate nella vasca almeno 30 minuti.

LA SPAZZOLATURA:

Utilizzate una spazzola vegetale o un guanto di crine. Spazzolate nella direzione del drenaggio ogni 10 minuti; Si stimola così l’irrorazione cutanea dilatando i pori aumentando la capacità drenante. Il movimento della spazzola va dalla punta delle dita dei piedi verso la zona urogenitale, delle mani, verso gli incavi delle ascelle.

LA REIDRATAZIONE:

Oggi vi consiglio una reidratazione con l’olio di cocco. Anche al naturale il suo profumo ci parla di terre lontane ed esotiche, praticamente vi sentirete quasi in vacanza :-)

L’olio di di cocco (Cocos nucifera) viene estratto dalla polpa del frutto e ha proprietà lenitive e anti radicali liberi. Solitamente lo uso nella preparazione dello stick per proteggere, idratare e ammorbidire le labbra.

Oggi la mia ricetta per creare una emulsione dopo bagno olio di cocco. Lasciate il flacone di olio di cocco a temperatura ambiente, tende a solidificarsi se la temperatura é troppo bassa. Come da esperienza vi consiglio di preparare solo un piccola quantità, per esempio 30 ml, per evitare che il prodotto si alteri e lo dovete eliminare. Aggiungete la stessa quantità di oli essenziali che avete usato per il vostro bagno, così profumerete per il resto della giornata. Se invece volete un profumo più esotico aggiungete all’olio di cocco 2 gocce di olio essenziale di Osmanthus e 2 di olio essenziale di Vaniglia. Massaggiate sulla pelle leggermente umida e lasciate assorbire. Potete avvolgervi nel vostro telo o accappatoio e sdraiarvi alcuni minuti nel letto.

CONSIGLIO:

Oltre alla tisana detox, bere ancora 1 litro e mezzo di acqua al giorno.

FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare

corpo&anima

domenica, marzo 5, 2017 Posted by Margareta Ischia
Comments closed

Bisogna fare qualcosa per il corpo, perché l’anima desideri viverci dentro.

FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare

Maschere viso

domenica, febbraio 5, 2017 Posted by Margareta Ischia
Comments closed

foto by Margareta Ischia

Ogni quanto fate una maschera per il viso? Nei paesi asiatici la maschera viso appartiene ai rituali di bellezza quotidiani, e anch’io ho provato ad applicare per una settimana, ogni sera, dopo una detersione profonda, una maschera viso, alternando tra quelle idratanti a quelle calmanti per pelle sensibili. Lo so, che tutte sgranerete gli occhi per dire „impossibile, io non ho tempo!“, ma se lo proverete per una settimana vedrete il risultato.

Vi invito a provare a introdurre questo rituale nella vostra cura quotidiana, per una settimana. Oltre a darvi risultati visibili, può essere adottato come vostra „home SPA“ anti stress. I famosi 30 minuti per noi stesse!

L’inverno tra l’altro risulta essere il periodo migliore, sia per le temperature rigide esterne e l’aria particolarmente secca degli ambienti chiusi. Inoltre d’inverno le sere, le si trascorre volentieri a casa. Se la cosa vi annoia farla da sole, coinvolgete figli/e, nipoti o amiche. Preparando magari qualche buona tisana. Tra le quali vi consiglio una tisana di Roiboosh aromatizzata alla vaniglia, una delizia per il palato!

Non sapete che maschera scegliere? Il mio consiglio, é di affidarvi ad una persona esperta, e come potete immaginare, la mia scelta va su prodotti privi di parabeni, petroliati, siliconi e paraffine. Possibilmente ricche di grassi vegetali, come burro di cocco, burro di karité, e oli vegetali. Quindi, occhio all’INCI!!!

Ancora dubbi? Contattatemi per chiarire i vostri dubbi. E se non ne avete, fatemi sapere la vostra esperienza!

info@mybestwellness.it

FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare

Winter Blues

lunedì, gennaio 30, 2017 Posted by Margareta Ischia
Comments closed

Foto by Margaret Ischia

Mai sentito parlare del Winter Blues? ( disordine affettivo invernale) Le giornate ancora corte e fredde influenzano il nostro umore, rendono apatici e tristi, ecco che la soluzione può nascondersi in un bagno caldo e avvolgente a casa vostra. Tempo di relax. Tempo per voi. Ritagliarsi uno spazio per ritrovare la calma, che ci aiuta a rigenerare corpo e mente. Come? Basta riempire la vasca da bagno, chiudere la porta e immergersi in quell’acqua calda e profumata per un relax assicurato. Ma prima preparate la vostra pozione magica personalizzata.

Non molto tempo fá ho provato a mescolare un mix di oli essenziali nella polvere di siero di latte. Oltre a servire da solubilizzante per gli oli essenziali, é uno dei prodotti naturali migliori che rende la pelle morbida e reidratata, come quella di un neonato.

Utilizzo: bastano 2-3 cucchiai da minestra di Siero di latte in polvere da aggiungere all’acqua della vasca e godersi i benefici.

la mia ricetta “Winter Blues”: 5 gocce di mandarino, 5 gocce di bergamotto e 3 gocce di ylang ylang.

Inoltre una deliziosa bevanda da abbinare é la Golden Milk, si prepara usando un pizzico di curcuma e pepe nero e aggiungendo un cucchiaio di miele millefiori in una tazza di latte di riso che avrai fatto riscaldare. Goloso e salutare, ti farà sentire coccolata.

Buon relax a tutti!!

FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare

CHRISTMAS

venerdì, dicembre 23, 2016 Posted by Margareta Ischia
Comments closed

Photo by Margareta Ischia

La vita del cristallo, l’architettura del fiocco di neve, il fuoco del gelo, l’anima del raggio di sole. La frizzante aria invernale è piena di queste cose.
(John Burroughs)

FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare

Autunno: oli essenziali

domenica, ottobre 23, 2016 Posted by Margareta Ischia
Comments closed

Foto by Margaret Ischia

Autunno: la natura inizia la sua fase di riposo.

La linfa vitale che durante la primavera e l’estate è stata donata a foglie, fiori e frutti, ora ritorna alle radici delle piante. Così ha inizio la fase di riposo delle piante. Le temperature scendono e i colori della natura sono uno spettacolo unico. Nelle case si inizia a riscaldare gli ambienti e si inizia a trascorrere più tempo negli ambienti chiusi. Il momento migliore per accendere il nostro diffusore e creare un ambiente rilassante e sereno nelle nostre case.

Ecco alcune miscele da usare nel diffusore che ci accompagnano attraverso l’autunno. Vi ricordo che l’utilizzo del diffusore in aromaterapia è il metodo più semplice ma anche più efficace per diffondere le sostanze volatili negli ambienti della nostra casa. Che esso sia a candelina ( per i tradizionalisti) o a ultrasuoni ( per i più tecnologici) usate il vostro diffusore anche giornalmente. Alcune ore al giorno sono sufficienti. Non dimenticate che gli oli essenziali nel diffusore vanno diluiti in acqua.

Buon divertimento.

Il mio consiglio per un mix caldo, dolce e piccante.

3 g di bergamotto citrus bergamia

2 g di zenzero zingiber off

2 g di incenso boswelia sacra

∞∞∞∞∞∞∞∞∞

4 g di arancio dolce citrus aurantium

2 g di zenzero zingiber off.

1 g di patchouli pogostemon cablin

∞∞∞∞∞∞∞∞∞

3 g di incenso boswellia sacra

2 g di pino pinus mugo

1 g di legno di cedro aniba rosaeodora

∞∞∞∞∞∞∞∞∞

FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare

FIENO – storia, tradizione e benessere

mercoledì, agosto 31, 2016 Posted by Margareta Ischia
Comments closed

Un punto di forza di tanti Hotel benessere nel Sudtirolo, é creare una sinergia con il territorio che li circonda. Le tradizioni locali e le cure con i prodotti del territorio, con certificazioni DOP sono attuali in molte strutture.

Di recente facendo una visitain un Hotel della nostra regione, come consulente del settore benessere, ho avuto la conferma di quanto bello possa essere per un ospite, poter usufruire dei vantaggi delle “cure naturali” a noi tramandate. Un prodotto all’altezza delle esigenze dei nostri ospiti è sicuramente il fieno.

E di questo fantastico prodotto, offerto in modo molto naturale da madre terra, che vorrei raccontarvi qualcosa.

È questo il periodo in cui avviene l’ultimo taglio in alta montagna, il migliore dicono i contadini. Un lavoro faticoso, fatto in modo tradizionale con la falce e raccolto con grandi rastrelli di legno. Alcuni prati si raggiungono solo difficilmente e spesso sono terreni molto scoscesi, per questo il lavoro deve essere eseguito tutto a mano.

Secondo antiche usanze, i contadini avevano l’abitudine di riposarsi dalle fatiche del lavoro nei campi adagiandosi su giacigli di fieno di taglio fresco e al mattino si risvegliavano completamente ritemprati e riposati.

Oggi alcuni contadini vendono il proprio fieno al consorzio del fieno di alta montagna, ma questo deve rispettare le direttive.  Ne elenco alcune:

Il fieno proviene da un’altitudine di 1700 metri slm. I prati devono essere coltivati secondo criteri ecologici e non possono essere trattati con concimi minerali oppure erbicidi. Vengono utilizzate esclusivamente delle aree che ospitano oltre 40 specie vegetali per 50 metri quadrati. È vietato il trattamento del fieno con fungicidi, conservanti o simili.

Il fieno di alta montagna per la sua composizione di molte erbe e piante alpini, è ricco di minerali, microelementi, oli essenziali, coloranti naturali, zuccheri, proteine e amidi quali durante il riscaldamento del fieno vengono liberati.  Gli effetti benefici sono molteplici.

Ecco che le necessità del nostro ospite, alla ricerca di: rallentare il ritmo e il tempo, di totale abbandono e ricarica psicofisica, trovano risposta in un “semplice” bagno di fieno.  Usato nei Kraxenofen, nelle vasche a galleggiamento o semplicemente adagiato nei letti di legno, può diventare un’esperienza unica.

Se non l’avete mai provato, non dovreste aspettare!!

Foto by Margareta Ischia

FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare

Lippenbalsam DIY

martedì, luglio 12, 2016 Posted by Margareta Ischia
Comments closed

2015 wurde bekannt, dass in Lippenpflegestiften von Labello, Blistex und auch Carmex bedenkliche Inhaltsstoffe enthalten sind. Warum machst du dir deinen Pflegenpflege, den du bedenkenlos verwenden kannst, nicht selbst?

Lippenbalsam selber machen!!!

Foto by Margareta Ischia

Diese Basics brauchst du:

Öl Ringelblumenöl

Bienenwachs

Kokosfett oder Sheabutter

ÄÖ

Diese Zutaten in folgender Reihenfolge im Wasserbad bei nicht mehr als 60 oder 70 Grad nach und nach erhitzen. Zuerst das Öl, dann das Bienenwachs hinzugeben und das Fett unter ständigem Rühren in der Masse schmelzen lassen. Zum Schluss 1-2 Tropfen dein gewünschtes, rein natürliches ätherisches Öl dazugeben und alles gut verrühren. Meine Bestseller Ä.Ö. sind Lavendel, Rose oder Neroli.

Viel Spaß!!

FacebookGoogle+TwitterLinkedInShare